Text/HTML

EasyDNNNews

Gole del Vezzeno e Museo della Rosa Nascente

Gole del Vezzeno e Museo della Rosa Nascente


Le Gole del Vezzeno e il Museo della Rosa Nascente


Il castello sorge su un comprensorio ofiolitico è circondato da una tenuta di 20 ettari, suddivisa in parco secolare, boschi selvaggi, vallate, vigneti, e strapiombi su roccia viva. Dalla torre del castello si può notare come quest’ultimo domini l'incredibile ed unico paesaggio caratterizzato dalla massa scura dell'ofiolite, sormontata dal bosco di conifere, e lo strapiombo su cui il castello si erge.



 

La “Rocca di Cagnano” sorge su quello che è lo sperone ofiolitico che 180 milioni di anni fa “sbalzò” lontano dal suo luogo di origine (recenti studi affermano che si tratti da un blocco proveniente dall’attuale Liguria, catalogandolo come facente parte delle Liguridi Esterne) sulla sponda del torrente Vezzeno. Come parecchi affioramenti della stessa natura litologica presenti nel territorio regionale deve il nome al suo particolare cromatismo, in questo caso della roccia “al taglio fresco”.

Come tutti gli affioramenti ofiolitici legati alle Liguridi Esterne (e l’appennino piacentino ne è ricchissimo) rappresenta un’isola di diversità litologica, e di conseguenza vegetazionale e faunistica nel “mare delle argille” che lo circonda.

 

Intorno al castello si snodano alcuni sentieri: sono gli antichi camminamenti di ronda, che scendono fino alle forre del torrente; essi sono costituiti da piccoli sentieri e scalette scavati nella viva roccia ai limiti del quale sorge un orto botanico creato verso la fine del 1800, epoca in cui la selvaggia natura dell' "orrido" venne ingentilita dall'opera dell'uomo; questo orto botanico, costruito sfruttando la biodiversità costituita dal comprensorio ofiolitico,  contiene specie particolarmente rare, tutt'ora in via di catalogazione, alcune delle quali erano caratteristiche del giardino all'italiana di ispirazione cinquecentesca e dell'orto botanico secondo la concezione ottocentesca.

 

I suggestivi ammassi di ofiolite che fanno da fondamenta alle mura, e la vegetazione spontanea che nasce tra questi creando un fitto bosco ombroso, contribuiscono a rendere l’atmosfera carica di magia.

 

In questo luogo magico, dove le rose canine e le orchidee selvatiche vivono dall’epoca delle Fate è iniziato  un nuovo cammino che ci accompagna nel mondo affascinante delle rose:  il Museo della Rosa Nascente, un itinerario di sentieri che si snoda nella valle del sole, tra magici labirinti di sanguinella e ginestre.


- Il costo del biglietto completo è di e 10,00 a ps

 

 

Vai allo Shopping e acquista il biglietto!